Teorie: Principi sull'esistenza dei Fantasmi

Fin dalla nascita ci viene insegnato erroneamente ad identificarci col nostro corpo e sappiamo che ogni organismo vivente muore. Le nuove teorie scientifiche ci suggeriscono che la morte non è l'evento terminale che pensiamo. Un conosciutissimo aspetto della fisica quantistica spiega che certe osservazioni non possono essere previste in modo assoluto, ma che esistono una serie di diverse probabilità che, i possibili diversi eventi, si verifichino tutti. In pratica gli eventi che segnano la nostra vita come ad esempio un incidente che ha portato la morte a qualcuno nel nostro universo, è accaduto ma allo stesso tempo in un universo parallelo l’incidente non è avvenuto. In questo modo quella persona è contemporaneamente sia viva che morta. Tutto questo viene spiegato osservando una singola particella la cui pozione spaziale cambia e noi non potremo mai sapere dove fosse prima di essere studiata, nasce così il principio d’indeterminazione e negli ultimi anni le ipotesi sostenute dalle ultime scoperte sono legate all’esistenza degli universi paralleli. Come abbiamo appena detto, gli atomi non si trovano mai in un solo posto, ma in tutte le possibili collocazioni spaziali e nello stesso istante. Si spiega questo evento con quella serie di ipotesi collegate agli Universi Multipli, o Paralleli, o Multiverses. Quindi ad ogni possibilità che un evento accada oppure no si crea un universo parallelo, ad esempio se lanciamo una monetina per fare testa o croce si andranno a creare due multiverses; uno dove la moneta cade dalla parte della croce e uno dove cade dalla parte della testa. Alcuni Scienziati affermano che la struttura dei multiverses è simile a quella di un albero in cui ogni ramo si divide in due, quindi la nostra realtà attuale non è unica, ma una delle tante possibili. Queste teorie sono state formulate e affermate da un Medico, un grande Scienziato, il Dr. Robert Lanza, uno dei più grandi esponenti nella ricerca riguardo le cellule staminali. In conclusione scopriamo che la morte non esiste in assoluto in questo scenario dove tutti gli universi possibili esistono contemporaneamente, a prescindere da ciò che accade in ciascuno di essi. Anche se i singoli organismi sono destinati all'autodistruzione, la coscienza di esistere - il 'quello che siamo' - è un'emissione energetica pari ai 20-watt prodotti dal cervello e questa energia non scompare con la morte, dato che una delle certezze più provate della scienza dice che l'energia non muore mai, che non può essere né creata né distrutta.

Allora se ogni singola particella di questa energia e la sua pozione spaziale cambia (come abbiamo detto prima) trascende da un mondo all'altro? Da tempo sappiamo che secondo la Scienza nulla in natura si distrugge, ma si trasforma proprio con questo concetto voglio avvicinarvi alla dottrina spiritica e alla fisica organica, che pone al centro l'essere umano e spiega che ogni corpo è formato di luce elettromagnetica, che la morte è solo il dissolversi dei vincoli tra il corpo fisico composto di atomi e il corpo diafano,invisibile sostanziale e composto di luce. La vita è collegata al DNA. La biologia riconosce un codice presente nel nucleo di ogni cellula che compone qualsiasi corpo biologo, questo codice è simile per ogni specie animale,vegetale e umana del pianeta. Questo codice funziona come il seme di una pianta che immagazzina i nutrimenti necessari e fa collegare in modo coerente e funzionale miliardi di miliardi di atomi componendo così un corpo,che ha un senso chiaro d'identità,distinto dall'ambiente che lo circonda. Oggi tramite questo codice sono stati trovati i geni del carattere e dello sviluppo fisiologico, la predisposizione verso le malattie,persino la data probabile della morte. Ora possiamo inoltrarci in quella che è la parta interessante! E' il corpo diafano e trasparente composto di luce a dare la vita. Questa nuova luce che è stata scoperta viene chiamata "luce pesante" composta da particelle messaggere, che la fisica chiama "bosoni vettoriali". Questa luce ha un ombra,un'impronta,essa non è altro che la materia ordinaria, campo elettromagnetico,lo stesso campo che ci permette di vedere l'immagine istantanea dell'unico universo visibile. La morte infatti è che il dissolversi dei vincoli tra il corpo di luce "vera luce" e quello fisico composto da atomi. I vincoli che si sciolgono sono quelli, che la fisica chiama forze deboli: "ciò che il corpo biologo vivo sente come coscienza!battito del cuore,eros,pensieri" aspetti che dopo la morte rimangono intatti,non legati più al corpo biologo, ma fanno parte del vero corpo di luce, eterno. Noi esseri umani vediamo solo il 5 % della materia,questo sta a significare che abbiamo un 95% di ignoranza. Oggi l'uomo riesce a vedere oltre il 5% grazie ad attrezzature come videocamere ad infrarossi/uv e termocamere. La scienza quindi dimostra l'esistenza di particelle chiamate bosoni vettoriali queste particelle sono le più piccole che esistano. Si trovano all'interno dei corpi e non hanno nè tempo nè spazio,compongono la materia ma restano immortali, questi bosoni vengono chiamati anche "messaggeri cosmici". Il corpo umano ha secondo la fisica organica : 1) un peso (sente la gravitá) - 2) e’ visibile (riflette la luce elettromagnetica) - 3) ha inerzia (effetto della forza nucleare forte) - 4)sente anche la forza debole I messaggeri cosmici hanno effetto sul corpo umanoVolontà amore (z°) ed emozioni (w+ w-) saggezza I messaggeri (deboli) sono i bosoni vettoriali di cui abbiamo parlato prima (w+,w-, z°) Compongono il corpo di luce eterno di un essere umano. La "vita" è l'unione tra il corpo fisico e il corpo di luce. La "morte" è lo scioglimento tra i due; quello fisico si dissolve e quello di luce è la vera identità immortale, "sovrannaturale" perché: (1) è invisibile (2) non ha peso (3) non ha inerzia...

Allora ci poniamo la domanda: da cosa dipendono la vita e l'intelligenza di un corpo dalle particelle materiali o da i messaggeri che lo penetrano?

Quando parliamo di Fantasmi bisogna sapere che questi, non sono altro che la nostra coscienza,che sopravvive quindi specificando meglio la nostra mente. Il professore McFadden della Scuola di Scienze Biomediche e della Vita docente presso l'Università di Surrey in Gran Bretagna secondo i suoi studi dice che la coscienza della nostra mente è un campo elettromagnetico. La sua teoria risolverebbe così tutti i problemi, che la Scienza si è posta sulla coscienza della nostra mente e la sua teoria potrebbe avere delle profonde implicazioni sui nostri concetti di mente, la spiritualità e anche sulla vita e la morte. Ci sono grandi differenze nei concetti di coscienza, che sono prevalenti tra i biologi, psicologi e sociologi. Il triplice significato di coscienza deriva dal latino 'con-scio': a) tagliare, b) fare una distinzione, e c) di conoscere. Ci sono tre modi diversi di conoscere la differenza - 'con-scientia' : 1) Attraverso la genetica bio-reattiva conoscenza, 2) Tramite personale auto-riflessivo conoscenza, e, . 3) Attraverso il sociale, la conoscenza La maggior parte delle persone considerano consensualmente la "mente" unita a tutte quelle cose coscienti dicui siamo a conoscenza. Tuttavia questo non è abbastanza preciso. La maggior parte dell'attività mentali avvengono senza consapevolezza. Azioni come camminare possono diventare automatiche come respirare. Il più grande enigma nel campo delle neuroscienze è come nelle attività cerebrali di cui siamo consapevoli (coscienza) si differenzino dalle attività cerebrali delle azioni inconsce. Il cervello umano è una sinfonia di segnali elettromagnetici, ma la scienza ha avuto problemi a trovare il conduttore di questa sinfonia. Uno dei problemi che i neurologi hanno con la coscienza è chiamato il problema vincolante. Il modo migliore per spiegare il problema vincolante è quello di usare l'analogia di un albero. Un albero sembra contenere migliaia di foglie, che sono tutti contenuti in diverse succursali. La neurobiologia ci dice che le informazioni contenute nella mente (tutte le foglie) è sezionato e disperso tra milioni di neuroni molto distanti. Il problema riscontrato è vincolante nel momento in cui la scienza cerca di spiegare in quale parte del cervello tutte quelle foglie sono attaccate insieme per formare l'immagine consapevole di un intero albero. Come funziona il nostro cervello? le informazioni si legano per generare la coscienza? Tirando le somme i numeri non tornano, il direttore d'orchestra di questa sinfonia manca ancora all'appello. Attraverso la sua ricerca, il professor McFadden si rese conto che ogni volta che un nervo funzioni, l'attività elettrica invia un segnale al campo elettromagnetico del cervello. Tuttavia, a differenza dei soliti segnali nervosi, l'informazione che raggiunge il campo elettromagnetico del cervello, viene automaticamente legato insieme a tutti gli altri segnali nel cervello. Il campo elettromagnetico del cervello è il legame che unisce la coscienza allo stesso. L' elaborazione delle informazioni coscienti sono associate al componente EM di frequenza ultra bassa (ULF) cioè, onde cerebrali : a) dette "dense" parti del cervello in stato di veglia b) una struttura gassosa ionica nei pressi della mente.

Tutto nel nostro mondo é energia, in conferma alla famosa formula della teoria della relatività di Einstein :

E = MC2 cioè che la materia (M) si può trasformare in energia (E), la lettera (C2) indica il valore della velocità della luce alla seconda quindi per calcolare l’energia (E), ottenibile da una certa quantità di materia, si deve moltiplicare il valore della sua massa (M) per due volte la velocità della luce.

Questa piccola equazione dice molto e va ben oltre l’argomento di cui vogliamo discutere, dobbiamo tenere presente che "l'energia é uguale alla materia" (energia uguale massa, moltiplicata per la velocità della luce al quadrato). Ciò significa, che tutte le forme di vita, tutte le cose, sono fatte di energia. La materia é QUINDI energia, ma in una forma diversa. L'aria che respiriamo, le voci che ascoltiamo, le persone, tutto ciò che vedete é fatto di materia e sappiamo che le molecole più piccole della materia sono gli atomi. Ogni atomo ha elettroni, protoni e neutroni; gli elettroni sono di carica negativa mentre i protoni sono di carica positiva. I neutroni invece non hanno alcuna carica, ovvero sono neutri. Ciò significa che gli atomi sono fatti essenzialmente di energia, pertanto tutta la materia é alla fin fine uguale ad energia, solo in una forma diversa. Quando diciamo che "l'energia non può essere creata né distrutta." ci si riferisce anche alla materia. Il nostro mondo é energia. Questa é la realtà in cui viviamo.

I 5 Stati della Materia Attualmente noti alla scienza sono: 1. Condensato di Bose-Einstein 2. Stato Solido 3. Stato Liquido 4. Stato Gassoso 5. Plasma.

Sono stati ordinati in base a quanto le molecole o gli atomi sono vicini gli uni agli altri. Nel primo stato gli atomi sono molto vicini, mentre nell'ultimo (plasma) sono più lontani, ora tralasciamo i primi quattro e parliamo del plasmaUna piccola parentesi…“Che cos'é l'energia?”Gli atomi sono di solito equilibrati da cariche positive e negative perché hanno lo stesso numero di protoni (cariche positive) e di elettroni (cariche negative) quindi, a meno che un elettrone o un protone siano assenti, hanno una carica neutra. Un pezzo di metallo, ad esempio, avendo una carica nulla, non risulta individuabile ad un rivelatore di campi elettromagnetici.

Il plasma ha invece carica positiva. Potete trovare il plasma nelle luci fluorescenti, nei fulmini, nelle luci al neon e nei fulmini globulari. I loro atomi sono ancora più diradati che nei gas. Gli altri tipi di materia sono invece neutri, ma possono diventare carichi, come l'elettricità nei cavi elettrici o nei filamenti d' una lampadina. Quando vi é una carica, positiva o negativa, si parla di carica elettrica. Questo é ciò che generalmente si chiama energia ed essa può essere individuata da un rilevatore di campi elettromagnetici. Cosa sono i campi elettromagnetici? CEM è l'acronimo di campo elettromagnetico. Si tratta di un campo di particelle cariche che si potrebbe anche chiamare campo di energia. Elettricità e magnetismo vanno insieme e sono sinonimi. Un campo elettromagnetico può essere così grande da circondare la terra o molto piccolo, come quello formato da una lampadina. Questi campi di energia possono essere creati da sostanze naturali, come rame, ferro, calcare, gesso, sale e acqua o qualsiasi combinazione di queste cose con altri elementi e sostanze che troviamo sulla terra. Quando si aggiunge una fonte di acqua, soprattutto se in movimento, come un fiume o un ruscello, il campo elettromagnetico si amplifica, aumentando la probabilità di individuare uno campo elettromagnetico con appositi strumenti. Stiamo parlando di questi rilevatori, poiché essi sono frequentemente usati nel ghost hunting in quanto tutta quella serie di manifestazioni paranormali come quelle a carattere apparizionale, possono causare un'alterazione dei campi elettromagnetici, ma prima di dare per buona una lettura di tali strumenti, bisogna escludere altre influenze ambientali come cablaggi elettrici, presenza di tubi del riscaldamento (specialmente quelli di ferro), tubi in rame, apparecchi elettrici e tubi di acqua calda. Anche le persone e gli animali hanno un campo elettromagnetico che li circonda, per cui tali strumenti non sono molto affidabili per rilevare con accuratezza i fenomeni Paranormali.

Cosa sono gli Spiriti ?

Dato che non sempre i rilevatori di campi elettromagnetici ad indicare la presenza di uno Spirito, si dovrebbe concludere che, se si trattasse di campi d' energia come l'elettricità, dovremmo essere in grado di individuarli sempre, ma sappiamo che non é così, perciò gli spiriti dovrebbero essere elettricamente neutri come un pezzo di plastica o di metallo. Anche gli uomini sono individuati dai rilevatori di campi elettromagnetici, perché siamo come una macchina, che produce ed incamera continuamente energia. Tutte le cose viventi emettono energia. Allora quali campi elettromagnetici vengono rilevati dagli strumenti quando ci troviamo di fronte a fenomeni Paranormali? Una volta esclusi i campi magnetici naturali, a mio avviso ciò che viene registrato non é lo spirito, ma l'ambiente con cui lo Spirito interagisce, generando una specie di elettricità statica. Questo spiegherebbe il motivo per cui i rilevatori non sempre segnalano una presenza quando invece i sensitivi non hanno alcun dubbio su certe manifestazioni spirituali. Ciò spiegherebbe anche le fluttuazioni dei campi elettromagnetici indicate dagli strumenti, o misurazioni momentaneamente anomale.

Quando la materia tenta d’invadere lo stesso spazio già occupato da un’altra materia, essa può causare un rapido movimento (quindi, attrito) fra gli atomi che compongono l'aria, ad esempio come quando si riceve la scossa nel toccare la maniglia di un'auto, generando così un campo elettromagnetico. Ciò significa che dagli strumenti viene rilevata la zona interessata dallo spirito, non lo spirito stesso.

Il plasma potrebbe esser una risposta?Il plasma ha molte proprietà che sono vicine a ciò che é uno Spirito, infatti può passare attraverso oggetti solidi, perché le sue molecole sono più rarefatte della materia solida e quindi possono infilarsi attraverso lo spazio vuoto che c'è fra atomo ed atomo. Il plasma ha anche un rivestimento esterno, molto simile ad un campo di forze che lo tiene insieme, né più né meno come l'involucro d'una bolla di sapone. Il problema con il plasma é che é molto caldo (pensate ai fulmini). Sappiamo che non é così per gli spiriti,perché non sono incandescenti (il plasma raggiunge temperature anche superiori ai 10.000 °C!). Il plasma é anche carico positivamente e crea campi elettromagnetici sempre ben rilevabili, pertanto gli spiriti non possono esser fatti di plasma, dato che sono elettricamente neutri. Se invece ipotizziamo che essi appartengano ad un Sesto Stato della materia, sebbene non ancora noto alla scienza, le cose cominciano a cambiare: gli Spiriti non hanno carica elettrica, non sono incandescenti ma conserverebbero molte caratteristiche del plasma come la capacità di passare attraverso gli oggetti solidi. Potrebbero inoltre, cambiare forma e comportarsi sia come un gas sia passare attraverso oggetti solidi. A tal proposito, è interessante notare come le cosidette presenze siano spesso accompagnate da sensazioni di "punti freddi" (cold spots), rilevabili anche con termometri digitali. Ciò avvalorerebbe ulteriormente l'ipotesi che gli spiriti interagiscono con l'aria circostante, spostandola e quindi creando dei vortici,che giustificherebbero i repentini cambiamenti della temperatura, oltre a generare dei piccoli, occasionali campi elettromagnetici, che possono o meno essere rilevabili con strumenti adatti.

(Stefano Ranucci - Alfa & Omega Metapsichica) Progetto S.E.R.P.

translate website your language

http://www.etnomusicantes.it/im/custom/youtube.png

Fondatori & Promotori del "Progetto S.E.R.P."

Team P.A.R.I. (Fondatori Progetto S.E.R.P.)

Paranormal Activity Research Investigation

Il Portale del Progetto S.E.R.P. è il Sito del Team P.A.R.I

Team Collaboratori

Partner & Amici

Associazione Tutela del Consumatore

Daniele Ross, Mentalista

Mentalista, Intrattenitore Psichico

Web Radio del Gruppo Ok Network

Portale di Studio e Ricerca

Articoli S.E.R.P. su "Terra Incognita Magazine"

Ti piace questo Portale di Informazione sul Paranormale? Fallo sapere ai tuoi amici...

Privacy Policy

E-mail