Evento "Una Notte da Brividi"

Castello Pallavicino Varano De' Melegari (Parma)

Sabato 20 Settembre 2014

UNA NOTTE DA BRIVIDI
PRESENZE, MISTERI E PARANORMALE
 
SABATO 20 SETTEMBRE 2014
 
CASTELLO PALLAVICINO 
VARANO DE' MELEGARI - PARMA
 
INGRESSI ORE 21.00, 21.45, 22.30 e 23.15
 
INGRESSO 10 EURO A PERSONA 
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
 
(DA PAGARE A LASSE COOP PER L'INGRESSO AL CASTELLO, 
I GRUPPI DI RICERCA NON PERCEPISCONO 
ALCUN COMPENSO PER L'ATTIVITA' SVOLTA)
 
Tre Gruppi di Ricerca accompagneranno visitatori, 
appassionati e curiosi alla scoperta del Castello
conducendoli tra le sale illuminate da sole candele 
per una serata di approfondimento sul Paranormale. 
Una guida vi racconterà le vicende che si sono 
consumate all'interno del maniero, 
i Ricercatori e i Sensitivi vi illustreranno 
le apparecchiature e le tecniche 
utilizzate durante l'indagine notturna 
che ha preceduto questa serata.
 
 
 
PER PRENOTAZIONI E INFORMAZIONI
 
 0525 400021 - 366 6022442 
 
 
 
 

Ricercatori :

Emilia Misteriosa : Alessandro Appiani, Andreha Rivi, Erika Catelani, Gloriana Astolfi, Attilio Pierallini

P.A.R.I./S.E.R.P. : Lorenzo Righetti, Mauro Breme

GhostHunter.it : Marco Pessina

Fotografie : Andreha Rivi

Riprese Video : Lorenzo Righetti, Andreha Rivi

Montaggio Video : Lorenzo Righetti

Video

Relazione

Organizzazione Gruppi di Ricerca :

L'indagine si è svolta con il supporto del pubblico intervenuto, le persone sono state divise in tre gruppi (arrivati negli orari pre-scelti), di questi suddivisi a sua volta in due squadre.

Gli Strumenti di Ricerca di vario genere sono stati consegnati ai partecipanti, i quali hanno potuto

provare e comprenderne l'uso in prima persona, come avviene in una Ricerca sul Paranormale

Le persone sono state accolte al piano superiore del Castello nella Sala Conferenze.

Un volta accomodate è stata introdotta la serata, coadiuvata anche da un filmato di Marco Pessina.

Nella stessa stanza vi era anche la Regia, dove venivano registrati i nostri spostamenti tramite un Kit di telecamere di videosorveglianza all'infrarosso.

Le “indagini” :

Le tre indagini dimostrative hanno seguito tutte il medesimo percorso, illuminato da candele.

A tutti i partecipanti è stato gentilmente chiesto di spegnere i cellulari ed eventuali dispositivi elettronici prima di iniziare l'esperienza, onde evitare interferenze con gli strumenti utilizzati.

Le indagini sono iniziate dal secondo piano, per poi salire nei camminamenti e concludersi nei sotterranei.

Avvenimenti :

Tutti e tre i gruppi hanno vissuto esperienze interessanti, i rilevatori di onde elettro-magnetiche si sono attivati più volte.

Vi è stato un tentativo di interazione con le “Entità” porgendo le domande di rito e in qualche caso ottenendo presunte risposte tramite l'accensione degli strumenti utilizzati.

Non sono mancate le sensazioni personali: una signora ha avvertito qualcosa che la toccava da dietro, mentre un ragazzo di un altro gruppo avvertiva un peso allo stomaco con difficoltà respiratorie.

Esperienze delle Sensitive :

Erika Catelani :

“Già appena arrivata ed entrata nel cortile il Castello si è presentato molto pesante, molto di più della prima volta che era stato davvero leggero.

Prima che arrivassero tutti ho fatto un giro al primo piano avvertendo delle strane sensazioni nella camera della "bottiglia di coca-cola", nel corridoio e nella stanza del camino.

Una volta tornata con i gruppi, la stanza del camino è stata quella in assoluto più pesante. Il luogo più pesante della stanza era l'angolo a sinistra del camino (avendo il camino di fronte), in quel punto mi girava la testa. Più rimanevo in quella stanza più la sensazione di non essere accettata aumentava, ed aumentava la pesantezza della presenza che cercava di allontanarci prima possibile da lì. Mi sentivo davvero molto inquieta come se stesse accadere qualcosa di spiacevole tutto causato dalla nostra semplice presenza.

Salendo poi le scale che portavano ai camminamenti la sensazione è continuata come se la presenza seguisse il gruppo. Dopo aver girato due volte si passava davanti ad una stanza chiusa da transenne. Appena sono arrivata davanti all'apertura ho avvertito una sensazione di pericolo, come se qualcuno fosse pronto ad attaccare.

Nei sotterranei la sensazione è continuata, fino a raggiungere il suo apice nell'ultima stanza in fondo chiusa dalle grate dove ho avvertito un sordo ringhio. La sensazione è continuata anche quando è arrivata Gloriana. Non abbiamo fatto la canalizzazione provando entrambe sensazioni estremamente negative.
Non è facile essere obiettiva visto che molto è stato sicuramente scatenato dalla presenza di una persona in particolare che c'era nel secondo gruppo che ho accompagnato.”

Gloriana Astolfi :

“Per quanto mi riguarda ecco le mie sensazioni, avvalorate anche da Attilio. Concordo con Erika per quanto concerne la forte sensazione di negatività e rifiuto da parte di una presenza nella stanza del camino, presenza che ho anche percepito seguire il gruppo durante la visita. Aggiungo inoltre che quando il K2 e' stato consegnato a partecipanti del nostro gruppo, ha dato segnali continui ed inequivocabili fino alla spia rossa sia nella prima stanza, che quella del camino che in un punto preciso (che avevo già in precedenza segnalato ad Andreha) sui camminamenti.

Tengo a precisare che dopo le segnalazioni del K2, su richiesta di Andreha, abbiamo passato lo strumento su tutti i cavi. Non c'è stata nessuna alterazione da parte di quest'ultimo, mentre riportandolo nelle posizioni in cui aveva segnalato, ha ripreso ad indicare le stesse anomalie precedenti.”

Conclusioni :

Prima di iniziare le indagini sono stati controllati tutti gli impianti elettrici.

I cavi di alimentazione corrono lungo le pareti e appaiono cablati in malo modo ma dopo un accurato controllo abbiamo preso atto della conformità e schermatura di tutti gli apparati, cavi, lampade, interruttori, prese etc., in linea con le normative vigenti sulla sicurezza nei locali pubblici.

Durante le indagini i rilevatori di onde elettro-magnetiche si sono attivati più volte ma dopo attente verifiche e controlli sui filmati della serata possiamo affermare quasi sicuramente che le oscillazioni dipendevano da uno o più cellulari accesi che in buona fede e sbadatamente non erano stati spenti da alcuni amici intervenuti alla serata.

Le sensazioni personali vissute da due persone (la signora e il ragazzo di due gruppi differenti), potrebbero con molta probabilità essere attribuite a suggestioni dovute a diverse fattori. La presa in coscienza di indagare in prima persona, il buio e l'uso di candele per segnare il tracciato, potrebbero aver contribuito in modo attivo alle sensazioni. Altra spiegazione razionale, per il caso della signora che si è sentita toccare, potrebbe essere legata al materiale sintetico della giacca indossata che, venendo a contatto con l'abbigliamento acrilico, avrebbe potuto innescare piccole scariche elettro-statiche, dando al soggetto la sensazione di essere sfiorati.

Nel secondo caso (il ragazzo), la difficoltà a respirare e il peso allo stomaco potrebbero derivare da una lieve sensazione di soffocamento dovuta dal profumo rilasciato dalle candele e dal locale di medie dimensioni con presenti al suo interno diverse persone.

I controlli eseguiti su tutto il materiale raccolto non hanno messo in evidenza nessun fenomeno di rilievo. Nelle foto vi sono solamente molti effetti di “Ghosting” (trascinamento delle immagini) dovuti ai lunghi tempi di scatto impostati sulle fotocamere necessari in ambienti con bassa illuminazione, in modo tale da catturare la poca luce presente. Come contro questa tecnica ha la problematica delle foto mosse, facendole sembrare “anomalie” e l'occhio poco esperto potrebbe confonderle con dei “Fantasmi”.

Due foto in particolare hanno delle evidenti e curiose “anomalie” fotografiche dovute alla tecnica di qui sopra e ai “Lens Flare” (riflessi), dovuto all'illuminatore Full Spectrum della videocamera; (*) in un caso ha incontrato una superficie riflettente (degli occhiali) e nell'altro (**) vi è una sovraesposizione della persona avanti all'illuminatore, creando così una “figura” particolare diversa dal contesto.

Ringraziamenti :

Si ringrazia il Comune di Varano De' Melegari e la Cooperativa Sociale ONLUS “Lasse” per la disponibilità, e tutti gli amici che hanno partecipato e indagato con interesse ed entusiasmo.

"Anomalia Fotografica" - Il caso degli occhiali (*)
Ingrandimento "Anomalia" - Si può notare il fascio di luce del faretto F.S. puntato verso la signora con gli occhiali.
"Anomalia Fotografica" - Il caso della sovraesposizione (**)
Ingrandimento "Anomalia" - Si nota distintamente una parte del viso e i capelli della signora illuminata dal faretto F.S., La persona è la medesima dell'anomalia di cui sopra, nonché la Sensitiva Gloriana.

Fotografie

translate website your language

http://www.etnomusicantes.it/im/custom/youtube.png

Fondatori & Promotori del "Progetto S.E.R.P."

Team P.A.R.I. (Fondatori Progetto S.E.R.P.)

Paranormal Activity Research Investigation

Il Portale del Progetto S.E.R.P. è il Sito del Team P.A.R.I

Team Collaboratori

Partner & Amici

Associazione Tutela del Consumatore

Daniele Ross, Mentalista

Mentalista, Intrattenitore Psichico

Web Radio del Gruppo Ok Network

Portale di Studio e Ricerca

Articoli S.E.R.P. su "Terra Incognita Magazine"

Ti piace questo Portale di Informazione sul Paranormale? Fallo sapere ai tuoi amici...

Privacy Policy

E-mail